Storia del Südtiroler Kinderdorfes

Fondazione e primi passi

Il 27 novembre 1955 iniziò quello che ha continuato a svilupparsi fino ad oggi: viene fondata la cooperativa Südtiroler Kinderdorf. Sebastian Ebner assunse la carica di presidente, che mantenne fino al 1981.

Dal 1956 al 1966 sono state costruite in totale 11 case in cui potevano essere ospitati fino a 110 bambini.

Nel 1965 è stata aperta una scuola materna, che è esistita nel villaggio con interruzioni fino ad oggi. Dopo una fase di transizione in cui solo una parte del personale era retribuita dal Südtiroler Kinderdorf, l’asilo è ora una struttura del Comune di Bressanone, che ha affittato i nostri locali.

Inizio delle specializzazioni

La prima comunità giovanile residenziale è stata aperta nel 1983. Oggi il Südtiroler Kinderdorf gestisce un totale di 3 comunità residenziali per giovani, che possono ospitare fino a 26 ragazzi di età compresa tra i 12 o i 14 e i 18 anni.

Nel 1991 l’assistenza all’infanzia e ai giovani in Alto Adige è stata riformata e anche il Südtiroler Kinderdorf è stato accreditato per accogliere bambini e giovani. Inizia così una fase di costante sviluppo professionale delle famiglie del kinderdorf verso le comunità residenziali socio-educative, che si conclude temporaneamente con il pensionamento di Elisabeth Thaler, l’ultima mamma del Südtiroler Kinderdorf, nell’estate del 2021.

Casa Rainegg, Centro di terapia e residenza assistita

Nel 1995, dopo due anni di lavori di ristrutturazione, è stato possibile avviare l’attività della Haus Rainegg sulla Mahr, vicino a Bressanone, dove le donne sole e i loro figli possono alloggiare in un massimo di 10 appartamenti.

Nel 1998 è iniziata l’attività dell’ambulatorio psichiatrico per bambini e ragazzi, il Centro di terapia, che è stato interrotto alla fine del 2022. Qui, i bambini e gli adolescenti del Villaggio per bambini, dell’area di Bressanone e in parte anche di altre zone, hanno potuto ricevere un sostegno ergo-, psico-, musicale ed equestre-terapeutico.

Nel 2000 è stata istituita una struttura abitativa assistita, dove i giovani vengono sostenuti nel passaggio da casa famiglia a vita indipendente e viene organizzata la transizione verso il periodo successivo al Südtiroler Kinderdorf. I ragazzi lasciano la struttura al massimo all’età di 21 anni.

Lavoro Familiare e Treff.familie

Nel 2007 é stato fondato il servizio di Sostegno Familiare – MoFa. Se all’inizio i servizi di visita erano rivolti principalmente ai bambini e agli adolescenti ospitati al Südtiroler Kinderdorf, oggi sono sempre più numerose le famiglie assistite presso il loro domicilio e i cui figli vivono a casa.

Nel 2011, treff.familie ha iniziato le sue attività come servizio di rete e consulenza per famiglie. Dopo gli inizi a Lana, treff.familie è stata trasferita a Bressanone e ora fornisce i suoi servizi in tutta la provincia, ma soprattutto nelle valli Burgraviato, Isarco e Wipptal.

Thalhofer e il presente

Dal 2014, il Thalhofer, un’antica casa colonica ristrutturata con amore, integra la gamma di servizi offerti dal Südtiroler Kinderdorf. I seminari possono essere tenuti in sale che respirano storia e molti matrimoni sono stati celebrati con stile tra le mura storiche.

Nell’ottobre 2020, il Südtrioler Kinderdorf ha ricevuto la sua attuale forma giuridica ed è diventato una cooperativa sociale.

Presidenti del consiglio di Amministrazione del Südtiroler Kinderdorfes

  • Sebastian Ebner (1955 - 1981)
  • Josef Rössler (1981 - 1990)
  • Franz Moser (1990)
  • Josef Rössler (1990 - 1992)
  • Heinrich Psaier (1992 - 2007)
  • Walter Mitterrutzner (2007 - 2019)
  • Sabina Frei (da 2019)